Louis Vuitton by Pharrell Williams naviga a vista

da | STYLE

A Hong Kong sfila la men prefall 2024 di Louis Vuitton by Pharrell Williams. L’uomo Vuitton del 2024 è un marinaio che viaggia e indaga sul senso del vestire come connessione al di là delle barriere geografiche.

Louis Vuitton by Pharrell Williams

Pharrell per la pre collezione autunno inverno 2024 di Louis Vuitton gioca agli opposti. Se il floreale e lo stile mariniere sono tipici della stagione primavera-estete, allora, Louis Vuitton li propone per l’autunno, ma siamo sicuri basti per definirla avanguardia? Insomma non è che invertendo le carte in tavola si possa poi urlare al genio.

Louis Vuitton by Pharrell Williams

Sulla passerella l’uomo Vuitton è un marinaio che indossa eleganti completi dal taglio classico che rimandano, per fantasie e accessori, al mondo nautico. Dai cappelli ai bottoni, passando per l’immancabile riga mariniere, i modelli viaggiano per il mondo e raccontano come l’abbigliamento possa accorciare le distanze geografiche. Louis Vuitton reinterpreta i classici paradigmi dello stile nautico. Così le righe diventano micro fili in perle, sulle giacche varsity viene aggiunto il collo da marinaio e il logo LV diventa una rete infinita. Immancabili i bermuda, firma di Pharrell, che rendono i completi meno seri e più irriverenti. Il marinaio by Louis Vuitton è un Dandy che si lascia trasportare dalla frenesia del viaggio e della scoperta, così il direttore creativo continua la narrazione iniziata nella sua sfilata di debutto. L’abbigliamento è connessione e simbolo di multiculturalità che annulla le distanze, crea ponti e non barriere.

Louis Vuitton by Pharrell Williams

Continua il viaggio e il veliero di Louis Vuitton approda alle Hawaii. Il mondo degli skater, che influenza l’estetica di Pharrell Williams, comunica facilmente con quello dei surfisti. Così sfila la libertà tipica del mondo del surf narrata attraverso tute da sub logate e completi in lino. Ad aggiungersi 10 uscite che celebrano la tipica stampa hawaiana floreale, simbolo, per eccellenza, di libertà e anticonformismo. La stampa viene riportata non solo su camice, ma anche giacche, completi e pantaloncini che danno tutta l’impressione di una collezione spring summer piuttosto che di una prefall. Tale stampa, oltre a ricordare il mondo hawaino, è il perfetto esempio di come la moda sia sempre multiculturale. Le famose camice hawaiane, in origine, infatti, erano realizzate con tessuti giapponesi e sono diventate famose grazie al commercio di un negoziante hawaiano-cinese.

pre fall 2024 LV

Particolare attenzione a scarpe ed accessori, vera fonte di guadagno del brand. Le iconiche borse della maison francese rimangono invariate per forma e tutta la fantasia si sprigiona nella stampa monogram reinterpretata in chiave hawaiana. Grande studio sulle scarpe, stupisce la quasi totale assenza di sneakers sostituite da eleganti mocassini che contribuiscono alla costruzione dell’uomo in stile Dandy immaginato da Pharrell. Sulla passerella trova spazio anche l’innovazione della tecnologia 3D. La slip on Cobra è, infatti, realizzata, con un innovativa tecnica di stampa 3D che permette una produzione zero waste.

Louis Vuitton by Pharrell Williams

Interessante la scelta di sfilare ad Honk Hong: sintomo di come il mercato del fashion si stia spostando sempre più verso orizzonti orientali e di quanto Louis Vuitton sia attento alle logiche di mercato, non per nulla ha scelto un cantante come direttore creativo.

Louis Vuitton by Pharrel Williams