Italian Lifestyle

Author

admin

admin has 64 articles published.

Post diploma Fashion Design

in Interviste by

Cecilia Morales

Post diploma Fashion Design

A.A. 2017_18

 

L’esperienza intrapresa presso Accademia del Lusso la definirei come un sogno che sta prendendo forma quotidianamente.

I primi pezzi del mosaico sono costituiti senza dubbio dai docenti che ho incontrato durante la mia esperienza e che hanno contribuito a trasformare una naturale passione in concrete capacità professionali. Li considero come le colonne portanti di Accademia che con le loro capacità sanno trasferire conoscenze e passioni.

Ogni docente ha un’importanza unica all’interno. Pur apprezzando la professionalità di tutti posso dire che i docenti che più di altri hanno lasciato un segno indelebile sono stati Manuel Barbieri, docente di Personal Branding, Simona Serra, docente di Maglieria e Barbara Sordi, docente di Prodotto Moda e Direttrice Didattica di Accademia del Lusso.

La mia grande passione per la moda mi è stata tramandata da mia madre. Crescendo ho capito che lei aveva intuito forse prima di me il talento da coltivare. Arrivando in Accademia del Lusso ho portato con me solo l’entusiasmo e lo staff è riuscito in questi anni a sorprendermi e stimolare la mia creatività, grazie ad un’alta qualità dell’insegnamento e alla disponibilità delle persone che ci lavorano.

Ho imparato a sviluppare la mia creatività, professionalità e ad avere amore per la cura dei dettagli; tutto ciò, unito alla condivisione dell’esperienza dei docenti, ha migliorato le mie competenze e mi ha insegnato a spenderle nel mondo del lavoro.

Quando ho varcato la soglia di Accademia per la prima volta ero in preda a tante paure ed incertezze. Queste si sono però subito dissolte grazie alla professionalità e alla gentilezza dello staff che accoglie tutti gli studenti, dando a ciascuno la propria importanza. Essi trasmettono professionalità e passione per il proprio lavoro, sempre pronti ad incoraggiare e correggere, tra sorrisi e affabilità. Dopo due anni di duro lavoro, perché no, posso affermare che i loro metodi di insegnamento ed il valore aggiunto, quello umano, stanno contribuendo a formare tutti noi sotto il profilo professionale ma anche dal punto di vista personale.
Accademia del Lusso ha un principio di base che la rende “wow” (!) ossia fornisce opportunità. Durante il percorso di studi, ho avuto il piacere di mostrare le mie creazioni durante due eventi, ovvero le sfilate di fine Anno Accademico Now Generations_2016 e You|nique_2017.

Prendo molto sul serio ciò che faccio, tra impegno, fatica, passione e prerogative per raggiungere un’eccellente risultato. E sono fiera di ammettere che i risultati ci sono stati, ed anche molto soddisfacenti. Ogni voto e commento dei professori mi ha sempre dato una forte sensazione. L’apice è stato raggiunto sul palco dove il mio impegno (ed il loro) è stato premiato dall’approvazione altrui: è stata fantastica l’adrenalina che ho provato sfilando con le mie creazioni, una soddisfazione molto personale ma anche legata alla famiglia. È una sensazione che ti fa stare bene e ti rende fiero e appagato di tutta la fatica spesa. Ed è altrettanto bella la sensazione del giorno dopo quando ti trovi sola con te stessa, sorridi e pensi: “è accaduto davvero”!

 

Studente Post diploma Fashion Design Terzo anno

Master Fashion Communication Management

in Interviste by
Master in Fashion Communication Management

NOME: Grace

COGNOME: Venanzetti

CORSO: Master Fashion Communication Management 2016_17

Definirei la mia esperienza in Accademia del Lusso semplicemente bellissima. Forse è un aggettivo banale, ma è davvero così.  Questo percorso mi ha insegnato tanto e ha cambiato tutto di me. E’ stata la ragione per cui mi sono trasferita a Milano, il sogno che custodivo da anni e che finalmente si è avverato.

In Accademia ho frequentato il Master in Fashion Communication Management. Posso dire in tuttà tranquillità che il livello dei docenti è molto alto. Sono tutti professionisti disponibili e dalla forte personalità. Ognuno ha il suo stile di insegnamento, ma tutti sono risultati per noi studenti importanti ed efficaci.

Chloé Payer, fra tutti, è stata la professoressa che mi è rimasta maggiormente impressa. Lei mi ha aiutato a credere in me stessa, mi ha insegnato tantissimo, sia a livello scolastico sia a livello personale. E’ stato molto piacevole lavorare anche con Sarah Tarves, lei ha sempre ascoltato e accolto le nostre idee e opinioni, guidandoci ma avendo sempre il massimo rispetto per i nostri pareri. Anche Marco Magalini è da annoverare tra i docenti che mi hanno colpito maggiormente. Lo sento molto vicino a me ed è per me una grande fonte di ispirazione, è molto giovane eppure è riuscito ad ottenere così tanto dal punto di vista professionale. Senza contare che il suo modo di insegnare è stato per me uno dei migliori. E poi, ovviamente, Alberto Mantegna, il mio tutor di tesi, che stimo moltissimo.

Dal momento che provengo da un settore completamente diverso, avendo studiato Psicologia, tutto è stato nuovo per me e dunque tutto è stato oggetto di apprendimento.  Il corso mi ha permesso di entrare in profondità nei concetti che allora conoscevo solo vagamente. Inoltre ho decisamente migliorato le mie competenze informatiche, che, devo ammettere, erano quasi inesistenti. Aggiungo anche che, prima della mia esperienza in Accademia, non ero abituata a lavorare in gruppo, anzi, preferivo lavorare individualmente. In Accademia ho imparato invece a lavorare in team, in vista del futuro lavorativo che prevede quasi sempre il lavoro di squadra.

L’anno di master trascorso in Accademia mi ha dato molta più fiducia in me stessa, e non è una cosa da poco. Mi ha dato fiducia in me e in tutto quello  che stavo facendo; anzi mi ha addirittura fatto sentire brava e appagata dal punto di vista professionale.

In  Accademia del Lusso manca solo un bel caminetto per l’inverno e poi si può dire che è come casa. L’aria che si respira è quella di una famiglia, di persone sempre disposte a chiarire i tuoi dubbi, a venirti incontro, ad aiutarti a realizzare i tuoi progetti e sogni. Di solito nell’immaginario comune ci si aspetta che una scuola di moda sia colma di persone piene di sé, che si prendono troppo sul serio, che non socializzano, che credono che il loro modo di vestire sia l’unico giusto. In Accademia del Lusso questo non succede: sei libero di essere chi vuoi, di vestirti come vuoi, di diventare quello che vuoi. Certo, ci sono le eccezioni, non sono tutti così aperti e disponibili, ma sono, appunto, eccezioni. Non è la norma, fortunatamente. Un giorno un mio amico che studia lì si è presentato con dei pantaloni del pigiama… Ci siamo fatti una risata e basta! Nessuno sguardo strano, nessuna chiacchiera di corridoio al riguardo. Lui era se stesso, e a noi tutti piaceva così.

Durante il mio percorso di studi ho potuto lavorare come vestiarista per conto di Sunnei e ho lavorato ai casting per le sfilate insieme ad altri miei compagni. Senza contare tutti gli eventi a cui abbiamo potuto partecipare durante la Milano Design Week, la fashion week donna e uomo, le visite all’Armani Silos, alla mostra di Antonio Marras e ai negozi di Louis Vuitton e Coach in Via Montenapoleone, dove i dipendenti ci hanno fornito una panoramica dei brand in questione, oltre ad arricchirci della loro esperienza personale e dei loro preziosi consigli per il nostro futuro. Ah, e naturalmente, le sfilate!

Sono davvero tanti i ricordi che conservo. È stato un anno che purtroppo sarà irripetibile. Indubbiamente tra i giorni più emozionanti vi è il primo e anche l’ultimo, quello della discussione della tesi. La mia classe, i miei amici, le risate, la paura degli esami e della presentazione dei progetti, gli shooting. Tutto è stato indimenticabile e tutto rimarrà sempre nel mio cuore.

Ultimo, ma non in ordine di importanza, la formazione in Accademia mi ha permesso di entrare a far parte del mondo del lavoro immediatamente concluso il mio percorso di studi.

Da quattro mesi sono Press Office Review Intern presso Dolce & Gabbana.

Post diploma Fashion Design Terzo anno

in Interviste by

Sonia Ciamprone

Post diploma Fashion Design Terzo anno

A.A. 2017_18

 

Definirei la mia esperienza in Accademia del Lusso fantastica poichè mi concede di vivere quotidianamente in un ambiente ricco di umanità, professionalità e arte nella moda.

Il corpo docenti è composto da persone molto competenti, professionisti che dedicano il loro tempo ad insegnare, con amore e rigore, una disciplina difficile da trasmettere.

La docente che mi ha colpito maggiormente è stata sin dal primo momento la docente di fashion design, nonché Direttrice Didattica di Accademia del Lusso,  Barbara Sordi, una donna speciale, che si occupa di ogni suo studente con cura e dedizione. Grazie al suo atteggiamento positivo e alla sua profonda conoscenza nell’ambito moda riesce a trasmettere la passione necessaria per ogni nuovo progetto da ideare.

Il corso Post Diploma in Fashion Design mi ha fornito le necessarie competenze sia teoriche, legate alla  conoscenza dei materiali e del processo produttivo del settore moda, sia pratiche, legate alla conoscenza della  modellistica e della confezione dei capi di abbigliamento.

Il percorso in Accademia del Lusso ha contribuito a sviluppare non solo le mie competenze professionali ma anche quelle personali dandomi la possibilità di imparare a relazionarmi con persone di diverse culture nel mondo.

L’ambiente che si vive in Accademia è un ambiente tanto professionale quanto familiare nel quale ampliare la rete dei contatti personali e di lavoro.

Accademia del Lusso mi ha permesso di partecipare a molti eventi e occasioni di pratica sul campo (come ad esempio il gratificante supporto backstage durante Milano Fashion Week). Personalmente ho attribuito tuttavia  maggiore valore alle sfilate di fine anno organizzate dalla scuola, e che vedono la partecipazione attiva si tutti gli studenti selezionati, e al contest ComON che ha dato visibilità internazionale alla mia creazione esponendola durante la prestigiosa  fiera tessile Premiere Vision a Parigi.

Non esiste un singolo ricordo che custodisco maggiormente della mia esperienza in Accademia del Lusso: ogni singolo giorno passato a scuola mi permette di vivere emozioni e creare sempre qualcosa di nuovo e stimolante.

 

VFNO 2017_Accademia del Lusso YOU|nique Street Show

in Eventi by

Vogue non può che evocare moda, bellezza, ricerca e poesia in chiunque sia appassionato di moda. La serata dedicata da Vogue, e a Vogue, a Milano non poteva quindi mancare di questi elementi, a cui si è aggiunto anche un quinto, l’assenza, prodotta dalla scomparsa prematura della insuperabile ed unica Franca Sozzani, che di Vogue Italia è stata anima e cuore.

Anche Accademia del Lusso ha voluto contribuire a rendere questa esperienza unica per tutti i suoi fruitori, creando per il secondo anno consecutivo un Fashion Show speciale.

Cinque tra modelli e modelle hanno infatti sfilato per strada: una live performance che ha catturato l’attenzione di chi passeggiava per lo più in cerca di vetrine interessanti.

Questa volta però Accademia ha voluto aprire le sue porte anche ai preparativi dello show, invitando chi lo desiderava ad assistere alle fasi di trucco e selezione degli outfit, per poi iniziare insieme con le modelle il percorso per le vie di Milano.

Una catwalk d’eccellenza con partenza da Montenapoleone e vari stop lungo Vittorio Emanuele per qualche posa davanti alla macchina dei fotografi, sia professionisti sia improvvisati, sino a raggiungere il Duomo. Un set reso ancora più magico da un tramonto che pareva dipinto apposta per i modelli. Dopo una passeggiata in Galleria e un altro stop in piazza della Scala, la foto rituale sulle scalinate di Montenapoleone.

A rendere speciale la sfilata sono stati i veri protagonisti dell’evento, ossia le creazioni per la sfilata di fine anno YOU|nique di alcuni studenti, che personalmente ringrazio per la dedizione e passione. I capi selezionati sono stati mixati tra loro per creare outfit più street e autunnali (dato il clima non proprio temperato), mettendo in luce ancora una volta la bravura di Carola Garcea, Dario Vizzini, Chiara Errica, Jelena Dukanovic, Selena Runic, Nicola Pantano e Sara Venturi.

Barbara LG Sordi

 

Luxury Brand Management

in Interviste by
Luxury Brand Management

L’aggettivo per Accademia del Lusso per me è “intraprendente”. Ho frequentato il master in “Luxury Brand Management” anno accademico 2009/2010. Oggi sono un’imprenditore che si occupa di sviluppare il potenziale dei marchi. Ho co-fondato uno studio di brand management e un magazine di tendenze. Chiaramente ci metto tutto me stesso e svolgo il mio lavoro con moltissima passione. Nel mio studio mi occupo di marketing e di sviluppo informatico.
Ho scelto Accademia perché era l’unica che proponeva un corso che stesse a metà tra il lato creativo delle aziende e il lato commerciale-manageriale. Era la figura che mi sentivo di essere. Non sono un creativo puro, ma nemmeno riuscirei a lavorare senza essere parte integrante del processo creativo di un’azienda. Il brand manager è proprio quella figura che fa da collante e da coordinatore tra questi due lati di una impresa e oggi è proprio il lavoro che svolgo.”
L’esperienza più importante che ho fatto in Accademia è stato il corso di “Coaching per Futuri Leader” svolto con il prof. Erario. È stato per me il più importante perché mi ha permesso di capire molto cose non solo del mondo del lavoro, ma anche della mia sfera personale. Infatti è stato durante questo corso e grazie a questo corso che ho capito che i risultati sul lavoro dipendono esclusivamente dalla capacità che ho nel gestire e migliorare le mie attitudini e solo in minima parte da fattori esterni.
La skill più importante che mi ha trasmesso Accademia è stata quella di imparare a vedere le regole del mercato in maniera creativa. Infatti le regole del mercato possono essere viste o come costrizioni, leggi a cui bisogna solo attenersi, oppure utilizzarle in maniera creativa e vederle come opportunità, come tante carte da gioco da poter usare per poter vincere la propria partita. Io credo che alla fine della mia esperienza in Accademia fossi, da un punto di vista delle conoscenze che avevo in possesso, addirittura più preparato di quanto non mi venisse richiesto in alcune aziende, quindi direi che ero stato ben preparato. Però poi ogni azienda è un soggetto a sé ed è molto importante la capacità d’adattamento all’ambiente che ognuno è in grado di mettere in campo caratterialmente.

Fashion Band Management

in Interviste by

Laureata in Fashion Band Management nel 2013 Attualmente lavoro presso lo Showroom Olimpia Davoli di Milano, dove si occupa della gestione di tre aziende di abbigliamento per la Lombardia ( SFIZIO , IT’S PARTY DRESS, DREAM A PORTER) . Appena uscita da Accademia del Lusso ho lavorato come Event Manager in una agenzia di Milano, per l’organizzazione di un evento per un noto stilista. Ho coordinato un team di persone a supporto del corretto svolgimento dell’evento. L’evento, tenuto presso presso il Diana Majestic di Milano, aveva come protagonista il lancio della collezione estiva di scarpe, accompagnato da una mostra d’arte contemporanea. Durante l’evento ho coordinato il personale e mi sono occupata dell’accoglienza di ospiti, giornalisti e vip. Ho poi lavorato per 8 mesi per Saldi Privati ( una realtà e-commerce molto giovane) come addetta alle descrizioni, stylist e assistente fotografa. Ho cominciato questa esperienza occupandomi della parte styling per gli shooting di abbigliamento e accessori; successivamente ho occupato il ruolo di “addetta alle descrizioni on line”.
Successivamente ho potuto iniziare il percorso lavorativo che ho sempre voluto intraprendere, quello dello Showroom presso l’ufficio Mailand di Milano dove ho lavorato per due anni. Il mio ruolo era quello di posizionare il prodotto, all’interno di negozi che rispettassero il target dell’azienda. Dopo il liceo (diploma in grafica pubblicitaria) ho scelto il percorso di formazione triennale di Fashion Band Management di Accademia del Lusso un po’ per la mia grande passione per la moda, ma soprattutto perchè sapevo che il mio percorso sarebbe stato accompagnato da docenti professionisti del settore. Proprio avendo a che fare con dei professionisti tutto il giorno, svolgendo spesso progetti pratici e confontandomi continuamente con un ambiente stimolante (come per esempio la frequenza ai Laboratori didattici che comprendevano incontri con visiting professors e visite esterne) l’apprendimento è stato immediato e l’approccio l mondo del lavoro più semplice.

Sfilata finale corso triennale Fashion & Costume Design Palermo

in Eventi/News ADL by

In una delle location più suggestive e lussuose di Palermo, Palazzo Asmundo dove la bellezza   straripante ha avvolto a tutto tondo la numerosa platea di partecipanti   (oltre 250 presenze)  con gli affreschi mozzafiato dei tetti alla ricchezza delle collezioni di porcellana,   gli  allievi dell’ultimo anno del corso Fashion and Costume Design   dell’ Accademia del Lusso hanno debuttato con la loro prima collezione.

Passione, talento, fantasia, ricerca e sperimentazione e tanta tanta fatica sono stati gli ingredienti vincenti per  la realizzazione di creazioni  stupende.

In questa occasione la cosa che più colpisce è la difformità di stili e di gusti! La poliedrìa può considerarsi davvero un tratto saliente dei nove allievi, che vorrei ricordare uno per uno, Marianna Abbate, Valentina Cilia, Liliana Graziano, Francesca Mandalà, Gemma Lo Bianco, Serena Santamarina, Clara Savoca, Dario Spitalieri, Maria Vazquez.

I mood delle collezioni prendono spunto  sia da elementi naturali  che architettonici e la realizzazione si basa anche  su materiali nuovi e sperimentali che riescono a ricreare le forme delle strutture architettoniche d’avanguardia.

La perversione e  il fetish  si esprimono anche con la sperimentazione  di un materiale alternativo, il latex, tessuto plastificato che rifiuta i tradizionali metodi di cucitura e viene assemblato con tecniche innovative.

E l’ingenuità ed eleganza delle bambole trionfano in  un carosello che diventa gonna!!!

E poi un tuffo nel mondo tribal:   maschere e i simboli tipici  utilizzati dalle tribù durante le loro danze  accuratamente  dipinti  a mano  sono la mise di modelle danzatrici che fanno viaggiare la platea verso mondi sconosciuti,e ancora  i tatuaggi   simulati da pizzi ricamati che  risaltano  la figura femminile.

Rivisitazioni del Punk e visioni quasi surreali di abiti fluorescenti, lampade in movimento, create dall’unione di tessuti sintetici, luci al neon e  importanti strutture che danno il movimento.

 

Il tutto completato da make-up impeccabili curati dalla New Sem School e stravaganti acconciature create dalle mani sapienti dell’hair stylist Pino Ciacia. Ma gli elementi che hanno reso tutto più magico ed emozionante,  sono stati la luce e l’adrenalina che emanavano i nuovi emergenti stilisti! Ancora una volta vediamo come arte e moda, passato e presente si sposano perfettamente, l’atmosfera senza tempo del palazzo e un anteprima del futuro suggerito dalle nuove collezioni,  hanno lasciato senza fiato tutti i presenti, me compresa! Durante gli anni accademici oltre ad imparare da cosa e come iniziare per dare vita ad una nuova collezione , ci viene insegnato soprattutto a credere in noi stessi e in quello che vogliamo proporre al mondo della moda, in questa occasione più che mai ho potuto notare che l’obbiettivo è stato piacevolmente raggiunto!

Annamaria Vella, allieva 3°anno fashion and Costume design

New sem school Accademia del Lusso

Fashion and Costume Design

Visual Merchandising studente Alex Liuzzo

in Interviste by

Sono Alex Liuzzo visual merchandising  e lavoro per un marchio molto conosciuto in Italia LUISA SPAGNOLI famoso per la sua meravigliosa lavorazione della lana d’angora , e per avere inventato il famoso bacio perugina.

Sono sempre stato un creativo, ho grande immaginazione, mi piaceva molto esaltare  la versatilità degli accessori, dei capi….tutto mi parlava ma non sapevo come fare… sentivo il bisogno di conoscere le tecniche per realizzare il mio sogno. Ecco che nel corso di Fashion Visual Merchandising ho trovato le risposte che cercavo. Sono stato un allievo dell’Accademia del Lusso Palermo. Qui ho avuto la possibilità di acquisire tutte le competenze necessarie per  diventare un vero professionista: dal merchandising,al marketing ,dalle dinamiche del retail al concept design.

Nel  dipartimento in cui ho la fortuna di lavorare ,non solo  lavoro con i capi e manichini, ma si ho la  possibilità di assemblare, smontare e montare le varie scenografie per i vari eventi.

Insomma per intraprendere questo lavoro bisogna  amare la moda e avere spirito di sacrificio, e Accademia del lusso ti da la grinta giusta per credere in te stesso e trovare il tuo posto nel mondo della moda.

Alex Liuzzo

adlmag

MILANO UNICA 6-7-8 SETTEMBRE 2016 – 23^ EDIZIONE FIERA MILANO RHO

in Eventi by

Milano Unica nasce nel 2005, è una manifestazione che promuove i tessuti e gli accessori italiani ed europei in tutto il mondo. Quest’anno cresce e si espande nel mondo con la sua 23^ edizione presso la grande struttura di Fiera Milano Rho.

Milano Unica è una dimensione dedicata alla creatività e all’eccellenza delle offerte esposte per i clienti che ricercano nel prodotto la qualità e l’autenticità che contraddistinguono il made in Italy e il made in Europe.

Milano Unica è un nuovo hub espositivo che funziona per l’intero fashion system, grazie allo studio serio e complesso dell’Area Trend. L’Area Trend raccoglie le tendenze internazionali che coinvolgono il pubblico attraverso un percorso creativo di sicuro impatto emotivo.

Il tessile ha presentato la collezione per l’inverno 2017-18, stoffe ricche di contenuti innovativi e sinonimo di ricercatezza.

Il tema atemporale, che trascende le mode e contamina l’essere umano è l’eleganza. Eleganza un termine difficile da definire, generalmente un elemento o motivo di gusto o di gradevole veduta ma ciò che conta è che la si scopre nel cuore della creatività dell’uomo: il tessitore che con il tatto soppesa i tessuti capendone la struttura e immaginando la collezione futura.

I personaggi che sono stati scelti per raccontare le tendenze e il lato sublime che nasconde l’eleganza sono: l’artista Alberto Burri versus l’architetto Renzo Piano, l’artista italiano Lucio Fontana versus l’artista giapponese KatsushikaHokusai e per finire il designer Walter Albini versus l’architetto milanese Piero Portaluppi.

Milano Unica con questi codici esprime l’eleganza del futuro autunno-inverno 2017/18, una connessione diretta tra il passato e il presente.

Milano Unica diventa un nuovo osservatorio sul mondo della moda: vedere la diversità per sentirsi ricco, per fertilizzare lo spirito di crescita e di identità di ognuno di noi.

Inoltre, la fiera ha presentato la novità di ON BOARD a cura di Simone Marchetti: uno spazio colmo di creatività nel quale erano esposti i moodboard degli stilisti italiani accanto alle collezioni che hanno ispirato. Il moodboard di uno stilista è quindi una tavola senza regole e senza schemi, un incipit speciale e astratto che racconta una storia e una futura collezione da vivere.

Milano Unica crea un quadro d’insieme che unisce sogni e realtà; un ponte che collega mondi, epoche, culture, ricordi e visioni future.

 

 

Sonia Ciamprone

I anno Fashion Design

Foto: sito ufficiale di Milano Unica

MILANO UNICA made in Italy

Street Art for #NOWgenerations #Texture

in Eventi/Fashion by

Dalla passerella alla strada

Accademia del Lusso continua a supportare il talento e la creatività delle giovani generazioni, con un progetto multimediale e poliedrico che approderà a Milano in occasione  della Milano Fashion Week di Settembre. L’evento fa parte del concept #NOWgenerations: dalla sfilata di moda innovativa alle espressioni più contemporanee dell’arte. Il filo conduttore è la moda spontanea, multietnica e generazionale, che non abbia vincoli di età ed espressione della propria creatività. Una moda che non sia elitaria, nonostante l’alto tasso di artigianalità e ricerca.

 

Dopo una severa selezione di 18 designers che fossero in grado di rispecchiare al meglio queste richieste si è creata una sfilata non convenzionale, in cui i protagonisti principali -oltre agli abiti- sono stati i modelli non professionisti, di tutte le età e nazionalità. Dopo la sfilata si è voluto portare avanti questo nuovo modo  di vedere la moda, coinvolgendo un artista, anche lui unconventional. Uno street artist, Ascanio, che per scelta vuole che l’arte sia accessibile e visibile ai più, non chiusa in un museo o in una galleria, e che possa abbellire e ridare dignità anche ad un quartiere periferico. Un’unione di intenti quella tra Accademia del Lusso e Ascanio che ha prodotto opere uniche, non banali.

Non si è scelta la via della semplice reinterpretazione degli abiti attraverso illustrazioni di moda, ma si è voluto centrare l’obiettivo primario del lavoro degli studenti/designers: il recupero dell’artigianalità attraverso la lavorazione delle superfici tessili. Nasce così una vera e propria performance artistica, in cui textures e decori degli outfit ispirano opere di strada vivide e contemporanee, in cui si filtrano attraverso una lente dettagli e preziosismi che sono il frutto di ore e ore di lavorazione. Close-ups su lavorazioni uniche, trasformate in manifesti del potere creativo dei nostri giovani talenti.

 

Sarà possibile partecipare alle street art performances che si terranno in varie zone chiave di Milano  (via Tortona, Alzaia Naviglio Grande, via Bergognone, corso Como, corso Buenos Aires, largo Isarco. Per maggiori dettagli vedi mappatura) dal  13 al 24 settembre, nel periodo che precede e che ospita uno degli eventi più importanti milanesi, ossia la Milan Fashion Week. In queste date e in varie location l’artista riprodurrà le sue creazioni live, accompagnato da studenti e modelle, che indosseranno i capi, creando un vero e proprio flashmob per chi ama la moda, l’arte e tutto ciò che è espressione di creatività.

Chiunque lo desideri può prendere parte all’evento, persino i passanti saranno invitati a farlo, e  ci saranno servizi fotografici in cui tutti potranno essere testimonial.

Barbara Sordi

Guarda qui il video della sfilata Street Art for #NOWgenerations #Texture

Street Art accademia del lusso Street Art adl Street Art #NOWgenerations

 

1 2 3 7
Go to Top