Il profumo, inconsapevolmente rispecchia il carattere di ognuno di noi.

in Fashion
“Il profumo, è l’accessorio di moda basilare, indimenticabile, non visto, quello che preannuncia il tuo arrivo e prolunga la tua partenza.” (Coco Chanel)

Il profumo è ormai da tempo considerato un elemento che caratterizza ed identifica una persona, il suo carattere, il suo atteggiamento e modo di fare.
Non rientra nella categoria degli accessori, forse perché non è visibile, o forse perché non è un materiale vero e proprio, ma a mio parere è la parte più importante che va a completare l’immagine di una persona. Il profumo, inconsapevolmente rispecchia il carattere di ognuno di noi.

Colui che è tranquillo, timido e poco estroverso non andrà mai a scegliere una fragranza forte, che sottolinei la sua presenza, cosa che invece farà chi ha una personalità molto più spiccata e sicura.

Beh, l’argomento potrebbe sembrare a primo impatto banale o poco interessante, effettivamente nel ventunesimo secolo chi è che perde tempo a domandarsi come nasce, o da dove proviene la creazione di una semplice boccetta di profumo…Probabilmente quasi nessuno.
Sono però convinta, che conoscere la storia di qualcosa che da principio veniva considerata una semplice acqua aromatizzata e che con il passare del tempo, si è invece trasformata in qualcosa di importante ed indispensabile, sia veramente molto curioso.
Parto con il dire che i cosmetici profumati erano già conosciuti dal popolo Egizio più di 5000 anni fa, e poi utilizzati da tutti i popoli del Mediterraneo antico, dai Greci, dai Romani e anche dagli Arabi.

Inizialmente il profumo non era altro che una sostanza oleosa accompagnata da aromi come l’Incenso, l’Aloe e la Mirra.
Veniva utilizzata come protezione dai raggi solari e per la cura della pelle.

Nel Medioevo, con la presenza sempre più forte della Chiesa, l’utilizzo di queste sostanze profumate non era ben visto, quindi ci fu un improvviso decadimento. Nel mondo Islamico invece, accadde l’esatto contrario, l’arte profumiera si sviluppò sempre di più, in particolare modo in Persia dove venne inventata l’acqua di rose. In quest’epoca l’utilizzo di alcool era vietato nella maggior parte dei territori, perciò per diverso tempo, il profumo non era altro che una sostanza acquosa aromatizzata.

A partire dalla fine del quindicesimo secolo però, la produzione del profumo si riaffermò anche in Europa, dove era ora consentito l’utilizzo di alcol e dove i maggior poli di produzione erano Firenze e Venezia.

In Francia a diffondere questa grande innovazione fu Caterina De Medici, la quale il giorno del suo matrimonio portò con sè il suo profumiere Renato Fiorentino.
Fra il Seicento e l’Ottocento avvenne un vero e proprio perfezionamento dell’arte profumiera, in quanto ci furono nuove scoperte e creazioni, riguardanti nuovi prodotti, come ad esempio l’acqua di colonia, inventata dal profumiere Italiano Giovanni Maria Farina.

Ora la produzione di profumi era molto più estesa, nacquero nuovi centri come la profumeria di Grasse, e lo sviluppo del sud Italia, il quale forniva un’elevata coltivazione di spezie ed agrumi, come ad esempio il fondamentale e noto Bergamotto, che divenne l’ingrediente indispensabile di tutti i profumi più moderni.

Con il colonialismo e con la scoperta di nuove aree geografiche, la produzione di profumi divenne sempre più vasta, e la vendita fu così accessibile ad un numero sempre più elevato di persone.

Uno degli avvenimenti più importanti per la storia del profumo si ebbe nel 1921 quando Coco Chanel inventò e presentò il suo primo profumo. Da quel momento in poi ad occuparsi della produzione profumiera non furono più solo ditte specializzate, ma anche case di moda e del lusso.
L’ultima tappa fondamentale per il settore del profumo, si ebbe con lo sviluppo industriale nel diciannovesimo secolo, quando nacquero i grandi magazzini e la produzione in serie dei profumi. La creazione del profumo dovrebbe essere considerata un’arte a tutto tondo, che rimarrà sempre viva e che caratterizzerà per sempre ognuno di noi.

Camilla Formicola
Studentessa di Accademia Del Lusso Milano