Coachella 2020 cambia date

in Fashion

Il festival più conosciuto al mondo posticipato a causa del Covid-19. 

Se l’epidemia ha già colpito il mondo della moda costringendo alcuni brand a decidere di sfilare a porte chiuse o addirittura ad annullare i propri show durante la prossima fashion week femminile di Milano, ad essere colpito è il mondo dei festival musicali.

Sono proprio gli organizzatori del Coachella Valley Music and Arts Festival che hanno annunciato lo scorso marzo che, causa emergenza Coronavirus, l’evento più atteso dell’anno previsto nei due weekend di aprile (10-13 e 17-19) si svolgerà in autunno nel mese di ottobre nei weekend dal 9 all’11 e dal 16 al 18. Tale decisione è stata presa dopo l’annullamento dell’Ultra Music Festival di Miami, che si sarebbe dovuto svolgere nella seconda metà di marzo, e analogamente ha deciso di agire il festival di Glastonbury, che si sarebbe dovuto tenere dal 24 al 28 giugno.

Tutto ciò dimostra ampiamente come il mondo dei festival non sia stato immune al virus, ma anzi ne sia stato vivamente colpito. Infatti sono proprio questi festival a raggiungere il maggior numero di persone partecipanti, un numero che normalmente oscilla tra i 100 e i 200 mila. Ciò succede perché questi eventi vengono considerati come i punti di ritrovo preferiti di giovani artisti, influencers e amanti della musica, e soprattutto sono luoghi di nascita di tendenze moda.

Per quanto riguarda il Coachella Festival, la decisione di posticiparlo è avvenuta anche grazie a Stella Young, la quale ha organizzato una petizione. Quest’ultima infatti ha invitato il festival a prendere precauzioni visto l’espandersi dell’epidemia di Covid-19 in California, affermando che “Proteggiamo noi stessi e i residenti della California facendo la cosa giusta prima che sia troppo tardi”.

L’organizzatore Paul Tollett ha ideato un piano per salvare l’evento dalla cancellazione, consapevole che il rinvio della massiccia serie di festival è un grande sforzo sia per gli artisti che per i loro rappresentanti. Non vanno però dimenticati anche gli appaltatori, i venditori, i 1 dipendenti ed il pubblico. E’ proprio quest’ultimo infatti ha porsi più domande per quanto riguarda i biglietti e i soldi ormai spesi.

Le risposte però non hanno tardato ad arrivare ed è infatti la pagina Instagram del Coachella ad annunciare che i biglietti comprati per aprile resteranno validi anche per ottobre ma, per chi non riuscisse a partecipare, c’è la possibilità di un totale rimborso.
E’ sicuramente un peccato per gli amanti della musica e per i visitatori che aspettano l’evento ogni anno, ma in momenti come questi, la salute va messa al primo posto. E poi, si tratta del Coachella, un festival che si è sempre rialzato dopo una caduta e si può stare certi che lo rifarà ancora.

Sofia Romoli
I anno Fashion Styling & Communication